Al momento stai visualizzando Il Quarzo fumè, la misteriosa pietra dell’aldilà

Il Quarzo fumè, la misteriosa pietra dell’aldilà

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Pietre
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Il Quarzo affumicato fa parte della famiglia dei quarzi ed ha un colore che va dal grigio al nero. La pietra quarzo fumè prende il colore da fonti naturali di radioattività, vicino a dove si formano i cristalli di quarzo. Può contenere inclusioni di alluminio o rutilo dorato o ramato.

Le varietà più intensamente colorate possono manifestare il pleocroismo che può scomparire se il minerale viene riscaldato ad una temperatura compresa tra i 300 ed i 400 °C, è un fenomeno osservabile in alcuni cristalli, che si manifesta con una variazione di colore osservando il cristallo da direzioni diverse.

I Quarzi fumè provenienti dagli Stati Uniti possono essere colorati irraggiandoli con raggi radioattivi cobalto-60 quindi non sono gemme naturali ma quarzi ialini modificati. Si riconoscono perché sono molto più morbidi tanto da scalfirsi con l’unghia.

Se ne trovano in Austria, Svizzera, Russia e Portogallo. In Italia: nelle valli e nelle cave ossolane, Baveno, San Pietro in Campo e nell’Isola d’Elba.

In Cristalloterapia viene usato per riequilibrare gli ambienti attorno a noi o per riequilibrare gli stati emotivi se indossato. Ha proprietà protettive e riesce a donare sollievo ai dolori cronici. Per quanto riguarda le energie negative il Quarzo fumè le assorbe e le trasforma in positive ma per questo ha bisogno di essere pulito almeno ogni mese, va benissimo 3 minuti sotto acqua corrente o alla luce della luna piena.

È una pietra che si combina bene con Ossidiana nera, Onice, Sodalite e Malachite.

Curiosità:

  • Fin dal 300 a.C. era usata dai Druidi con la credenza che contenesse il potere di ogni Dio;
  • I romani lo usavano per superare il dolore del lutto e da qui deriva il portare il colore nero nei periodi di lutto;
  • Era la pietra della Dea dell’Occulto, Ecate;
  • Era la pietra usata durante la festività del Samhain in autunno, una festività gaelica che segnava la fine del raccolto e l’inizio dell’inverno;
  • Pochi sanno che al British Museum è conservato un quarzo fumè appartenuto a John Dee, famoso alchimista, matematico e astrologo che sosteneva gli fosse stata donata dall’angelo Uriel;
  • In molte culture viene considerata la pietra che mette in contatto con l’aldilà, nei rituali sciamanici viene usata per contattare gli spiriti inferiori;
  • In Scozia è tenuto molto in considerazione, nelle montagne di Cairngorm fin dal 300 a.C. veniva estratto dai celti.

Lascia un commento