Al momento stai visualizzando La Filigrana, antica arte orafa

La Filigrana, antica arte orafa

Chi girando per gli splendidi paesi d’Italia non ha notato nelle splendide vetrine delle gioiellerie splendide lavorazioni di oro e argento in filigrana?

Venezia, Firenze, Cortina…questa lavorazione è una ricchezza della gioielleria che aggiunge un valore alle già molteplici tecniche orafe che vanta questo Paese ma la filigrana è un vero partimonio mondiale.

Quest’arte orafa consiste nell’intrecciare finemente fili sottili di oro o argento per poi sagomare forme e saldarle negli snodi per fissare la decorazione.

I primi ritrovamenti risalgono nella città di Ur in Sumeria, poi a Troia databili al 2500 a.C. poi diffuse in tutto il Mediterraneo e prendendo connotati tipici dei vari popoli che ne hanno portato avanti la lavorazione fino ai giorni nostri.

Il termine “filigrana” deriva dal latino filum e granum perchè ricordava le spine del grano e cominciò ad essere usato verso il 1600 d.C.

In Egitto nei ritrovamenti archeologici furono scoperti molti ornamenti datati 1500 a.C. soprattutto nella ricca tomba di Tutankhamon.

Jpeg

Presso Carnigov in Unione Sovietica furono ritrovati molti ciondolo raffiguranti leoni ed arieti con questa lavorazione e incastonature di perle risalenti al 1100 a.C.

In Etruria si diffusero verso l’800 a.C. aggiungendo alle già plurime decorazioni soggetti umani e animali ma è abbastanza logico giungendo dalla Lidia dove i giacimenti di metalli erano tra i più ricchi.

Furono sempre usati come gioielli di potenti e personaggi importanti e solo nel Medioevo cominciarono a vedersi i primi manufatti religiosi.

In Italia si cominciò ad usarle nel periodo delle crociate, periodo nel quale gli aumentati viaggi nel Mediterraneo aumentò anche gli scambi con l’Oriente.

Negozio a Firenze

Importanti centri di produzione sono sorti a Firenze, Genova, Napoli, Agrigento Torino, Sardegna e Venezia e solo successivamente a Cortina, Padova e Pescocostanzo.

La Liguria pregia di aver portato a noi la tecnica più fedele a quella antica, con incastonature di pietre e pasta vitrea. I maestri liguri infatti specializzandosi in quest’arte sono protagonisti di vere e proprie opere d’arte che solo l’esperienza decennale può ottenere.

Lascia un commento