Al momento stai visualizzando La Malachite, la pietra che stupisce con le sue sfumature di verde

La Malachite, la pietra che stupisce con le sue sfumature di verde

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Pietre
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

La Malachite è una pietra contenente rame, il suo nome deriva dal greco Μολοχίτης che significa verde malva. Una curiosità è che diventa effervescente se entra in contatto con la candeggina. Si trova nei giacimenti di rame come in Africa, Russia, Australia e Stati Uniti. In Italia il giacimento più famoso si trova sull’isola d’Elba. È presente anche a Usseglio e Lemie, nelle Prealpi lombarde e nelle miniere della Sardegna come in quelle di Fluminimaggiore e di Domusnovas.

La Malachite viene utilizzata in gioielleria senza un taglio preferito, la sua colorazione verde a strisce o sfumature vengono risaltate dalla semplice lucidatura o il taglio cabochon. È una pietra morbida soggetta a rovinarsi facilmente se non se ne ha cura. I migliori intagliatori di questa pietra sono i russi e i cinesi che esportano lavori di incredibile pregio. Essendo una pietra morbida va lavata con cura e asciugata con un panno morbido, assorbe molte negatività quindi va sempre purificata dopo l’utilizzo, è bene non usare saponi o detergenti per non rovinarla.

Tra i romani e i greci in antichità veniva utilizzata per creare amuleti che preservassero dagli infortuni. Poi fu molto usata come pigmento pittorico conosciuta col nome di verde-azzurro di Spagna, verde-azzurro di Magna Grecia, verde d’Alemagna.

Nella Russia Nord-Occidentale c’è una cattedrale ortodossa di San Pietroburgo che contiene opere meravigliose in Malachite e Lapislazzuli, colonne, vasi, ciotole, decorazioni di vario genere.

San Pietroburgo

E poi ricordiamo il Palazzo d’Inverno, sempre a San Pietroburgo, e’ la prima residenza dello Zar, che domina la piazza del Palazzo da un lato ed il fiume Neva dall’altro e in esso c’è la Sala di Malachite o Salotto di Malachite, che era una camera privata dell’Imperatrice Alexandra Feodorovna, dove troviamo un magnifico caminetto in Malachite, vasi e decori vari in tutta la stanza, non badò a spese nell’abbellimento di questa stanza verde smeraldo e oro.

Una parola va spesa per una curiosità poco conosciuta: all’interno del Museo Gomyj c’è il più grande pezzo di Malachite al mondo (1504 Kg), trovato nei monti Urali e portato nel 1787.

Salotto di Malachite

Alcune volte è intrecciata all’Azzurrite, formando così l’azzurrite-malachite. Può anche trovarsi unita alla Crisocolla formando la malachite-crisocolla.

In Cristalloterapia viene considerata per le sue proprietà di assorbire la negatività dall’ambiente, e con negatività possiamo intendere sia la sfera fisica sia mentale sia spirituale. Avverte la persona che la indossa di imminente pericoli, rompendosi in molti pezzi. Allevia i dolori del parto e del ciclo, rafforza la volontà di andare avanti senza distrazioni, dona senso di stabilità, rimuove i blocchi.

Lascia un commento