Al momento stai visualizzando La Perla nella civiltà cinese

La Perla nella civiltà cinese

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Storia
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Quando si parla di Perle non si può non menzionare la Cina e l’importanza che questo prezioso ha nella sua storia e tradizione. Ad oggi siamo arrivati a produzioni massive di perle da parte di questo popolo che venera questa materia prima fin dall’antichità. Attorno ad essa girano molte leggende che fanno parte della tradizione di questo popolo e l’uso esclusivo da parte di nobili di alto lignaggio ci svela molti particolari interessanti dalla loro raccolta, alla loro lavorazione, alla storia della gioielleria che non si ferma a tecniche artistiche o di lavorazione ma che coinvolge credenze e religione.

Abbiamo le più antiche testimonianze che parlano dell’esistenza delle perle provengono proprio dalla tradizione cinese. 4000 anni fa furono i cinesi a scoprire per prime queste gemme delicate mentre scandagliavano i fondali marini in cerca di cibo. Da allora sono innumerevoli le opere d’arte orafa che ha fatto della perla un elemento importante della propria tradizione culturale.

La corte Qing rinominò tutte le perle prodotte dal bacino del fiume Songhua “perle dell’Est”, ritenendole tra le decorazioni di più alta qualità per i gioielli reali. Venivano ricoperte con uno strato semitrasparente e la loro forma doveva essere perfettamente sferica, anche la grandezza aveva la sua importanza, più grandi erano più lustro dava al gioiello.

Il gioiello tra le donne di corte ne identificava anche lo status: orecchini adornati di perle, oro, giada e pietre preziose sin dalla dinastia Han, determinavano l’importanza di una concubina, la regina indossava tre paia di orecchini con perle dell’Est (mentre le concubine solo uno, giusto per accompagnare l’elegante vestito).

I gioielli che ci sono pervenuti sono usurati dal tempo ma sempre eccezionali. Le perle ingiallite per l’essere state portate molto oltre che per il tempo passato hanno ispirato il detto “uno invecchia come una perla ingiallisce”. Oltre alle Perle dell’Est ci sono arrivate quelle a chicco di riso abbinate a Corallo rosso, oro, rame e smalto.

La Cina oggi nel mercato perlifero è ai vertici nella produzione di Perle e questo grazie alle grandi agevolazioni economiche e amministrative ricevute che ha dato origine alla nascita di centinaia di piccole aziende che lavorano Perle, facendo diventare questo settore come una delle principali fonti di guadagno dell’intero Paese. Oggi la Cina produce il 96% delle perle vendute in tutto il mondo.

Dallo Shu Jing (2350 a.C.), si può evincere come principi stranieri portassero all’imperatore perle come tributo come nel XXIII secolo a.C. l’imperatore Yu ricevette in tributo “fili di perle non perfettamente rotonde” dal fiume Hwai. Nell’antico e stimato dizionario cinese, il Nh’ya, risalente a 3000 anni fa, ne parla come di preziosi gioielli ritrovati nella provincia di Shen-si, nella frontiera ovest.
Capite bene come la Cina vanti la più antica produzione di perle del mondo ancora oggi e fu il primo paese a sviluppare la tecnica della coltura e gli allevamenti di perle fin dal 1082 a.C.

Molte sono le leggende tramandate, alcuni scrittori ritenevano che le perle fossero nate dal cervello di un drago fantastico, altri riportano che furono particolarmente abbondanti durante il regno di illustri imperatori, altri ancora che venissero usate come amuleti contro le catastrofi naturali.
Quando leggiamo anche in poemi antiche di perle, troviamo descrizioni riguardo alla loro bellezza e luminosità, perle così brillanti da essere visibili fino a migliaia di chilometri o grazie alle quali era possibile cucinare il riso!

La Cina è un territorio dalle molteplici tipologie di acque, condizioni ideali per la formazione di molte varietà di ostriche che danno origine a perle di rara bellezza, specialmente nelle regioni meridionali.

Non potevo non fare un accenno, seppur breve, alla medicina cinese che comprende tra i suoi rimedi anche la polvere di Perla contro patologie quali epilessia, convulsioni, ipertensione, insonnia e palpitazioni, poi ancora per migliorare la vista e rilassare i nervi.

Una gemma organica, una perla è composta principalmente da carbonato di calcio, acqua e conchiolina, che è un materiale naturale prodotto dall’ostrica, tracce di altri minerali e materiali nella perla, sebbene non siano stati condotti studi clinici su questo farmaco per verificare se sia efficace o meno, prove aneddotiche hanno a lungo propagandato la capacità della polvere di perle di promuovere un aspetto giovanile.

Lascia un commento