Al momento stai visualizzando La Selenite, i raggi della luna pietrificati

La Selenite, i raggi della luna pietrificati

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Pietre
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

La Selenite è una pietra che è conosciuta fin dai tempi immemori, in antichità veniva chiamata Pietra di Luna per una sua particolare proprietà che adesso vi dirò.

La Selenite è un gesso cristallino, chimicamente solfato di calcio biidrato, la sua particolarità è che si deposita in strati e così in natura si può trovare in forma di scaglie. Ogni scaglia è trasparente e in antichità veniva usata come vetro, anche come vetri delle finestre e così la luce che passava attraverso era simile alla luce della Luna, per questo motivo la chiamavano Pietra di Luna. Il suo nome infatti, Selenite, deriva dalla parola greca Selene che significa appunto Luna. In epoca romana fu una pietra usata nella costruzione per le finestre e veniva conosciuta col nome Lapis specularis. Durante l’Impero Romano se ne fece largo uso perché era molto facile reperirla. In Emilia Romagna abbiamo territori estesi di giacimenti di Selenite, proprio nel parco regionale della vena del Gesso Romagnola e si trova la grotta della Lucerna la prima di una serie di miniere romane. Ma non mancano anche giacimenti in Sicilia, Spagna, Segòbrida, Tunisia, Cipro, Cappadocia e Turchia. Proprio Le Cave spagnole trovano larga descrizione nel Naturalis Historia di Plinio. Una particolarità che pochi sanno riguarda l’uso della Selenite nell’arte. Infatti se viene macinata finemente e calcinata a 130 gradi centigradi e 170 gradi centigradi dà origine alla Scagliola che è un tipo di gesso usato in edilizia e in scultura.

La sua scoperta si deve a J.G.Wallerius che nel 1747 per la prima volta ufficialmente la schedò. Il suo colore è bianco con una lucentezza cristallina, è una struttura prevalentemente trasparente. La sua durezza è di 2 su scala Mohs. La Selenite è estremamente morbida di conseguenza non è adatta ad essere incastonata nei gioielli poiché si striscia con estrema facilità anche solo con un unghia di conseguenza viene scolpita si ma per fare oggettistica e decoro.

Altri giacimenti che sappiamo oggi essere abbondanti sono in Marocco Australia, Madagascar, Messico, Brasile e Stati Uniti. In Cristalloterapia viene usata per proteggere, nel Feng shui quindi su spazi e ambienti. richiama il potere Angelico, si dice che fisicamente aiuti a riparare a livello cellulare. è associata allo scheletro e alla colonna vertebrale, viene utilizzata anche per migliorare l’allattamento, per stimolare la memoria e per meditare. Le proprietà curative della selenite sono molto benefiche per tutti, i cristalli di selenite sono straordinariamente pacifici, infondono un profondo senso di pace interiore, chiarezza e portano una vibrazione molto alta che li rende ideali per la guarigione.
Aiuta anche a rimuovere tutti i blocchi energetici nel corpo.

Una curiosità che pochi sanno è che appartiene alla famiglia della Selenite anche la Rosa del deserto del Sahara.

Scopri i gioielli scelti apposta per te! Qui

Lascia un commento