Al momento stai visualizzando Le origini magiche dei gioielli

Le origini magiche dei gioielli

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Curiosità
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Abbiamo già visto nella storia come le civiltà antiche utilizzassero i gioielli sulla base di credenze e pratiche magiche. In effetti i gioielli hanno origini magico-religiose.

I primi gioielli venivano portati per proteggersi dagli eventi negativi e dagli spiriti maligni; ne sono la testimonianza tutti gli amuleti trovati nelle tombe per proteggere i propri cari defunti.

In secondo luogo i gioielli venivano usati per preservare la salute di determinate parti del corpo.

Solo successivamente i gioielli vennero utilizzati per attirare le energie positive in amore, salute, denaro ed altro.

Inizialmente i gioielli venivano creati con ciò che si trovava in natura come conchiglie, erbe intrecciate, sassi e varie. In seguito, quando l’uomo imparò a estrarre i minerali e a lavorarli, i gioielli divennero più sofisticati con pietre preziose incastonate, mantenendo però simbolismi della natura come fiori, foglie e animaletti.

A questo punto subentra anche lo scopo ornamentare e non solo quello magico-scaramantico, di cui ancora oggi rimane qualcosa come gli anelli di fidanzamento e di matrimonio.

Fino al diciannovesimo secolo in gran parte del mondo occidentale, la storia della gioielleria era una storia di magia infatti in moltissimi libri del passato si trattano questi argomenti. Andiamo a vedere i principali simbolismi legati ad anelli, collane e orecchini.

L’anello con la sua forma circolare simbolizza l’unione, l’eternità, universo e il ripetersi degli eventi come le stagioni ma anche la reincarnazione. È legato al sole e alla luna, nella mitologia babilonese troviamo molte storie legate agli anelli degli dei. Se da un lato la sua forma sembra respingere le forze esterne dall’altro lato sembra impedire la liberazione di un determinato potere infatti nel passato dai greci, ai romani, agli sciamani spesso si vietava ai sacerdoti di portare gli anelli durante le cerimonie o durante i riti magici.

La bellezza o il valore del materiale di cui è fatto l’anello ha poca importanza ai fini del valore magico del gioiello. L’unica cosa da tenere presente oltre alle pietre incastonate sono i simbolismi che lo decorano.

Le collane sono come gli anelli essendo di forma circolare sono solo più grandi e portati al collo ma essendo che cadono sul torace vicino al cuore venivano considerati potenti per agire sulle emozioni o per attirare e rafforzare l’amore. Le collane composte da uno o più fili di pietre preziose sono considerate più potenti del pendente a pietra singola.

Gli orecchini sono nati per mantenere in salute le orecchie. Il foro dei lobi delle orecchie è il risultato di una pratica antica poiché forare parti del corpo nei tempi antichi aveva molti motivi magici e il foro alle orecchie deve essere stato tra i primi praticati. Si pensi all’India dove ancora oggi si fora il naso per ragioni protettive e religiose. Lo Smeraldo è una pietra molto usata anche in antichità, incastonata negli orecchini per rafforzare la vista debole.

Gli orecchini ad anello come anche i bracciali e le cavigliere hanno preso un significato di schiavitù nei secoli poiché alcune civiltà li usavano per segnalare il loro status di servi o prigionieri di “guerra”.

Lascia un commento