Al momento stai visualizzando Un’antica Ametista trovata a Gerusalemme con una rara incisione

Un’antica Ametista trovata a Gerusalemme con una rara incisione

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:archeologia
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Nell’autunno del 2021 è stata ritrovata una gemma di forma ovale, lunga 10 mm e larga 5 mm, viola nello scavo archeologico nel Parco Nazionale Emek Tzurim vicino al Muro Occidentale nella Città Vecchia di Gerusalemme da dei volontari. La sua datazione potrebbe risalire al Periodo del Secondo Tempio dal VI sec. a.C. al I d.C. in effetti è proprio nella seconda parte di questo periodo che risalgono i sigilli e quindi le gemme incise a questo scopo. La particolarità di questo quarzo identificato in un’Ametista è che porta un’incisione, la quale studiata da esperti, hanno ritenuto fosse un ramo di albero di balsamo con cinque frutti e una colomba.

Il significato dell’albero di balsamo (commiphora gileadensis) è legato al suo uso tradizionale per produrre profumi e medicinali e la colomba, entrambi di origini bibliche, venivano usato in amuleti incisi per attirare ricchezza, felicità, bontà e successo, secondo antiche scritture ma non se ne sono mai trovati reperti.

A quei tempi è più solito trovare incisioni di alberi conosciuti in Israele come viti, olivi e datteri ed è per questo che ha destato molto stupore trovare un’incisione così unica.

È un raro sigillo, finora l’unico ritrovato ed è per questo che la sua scoperta è di grande importanza. Probabilmente era incastonata in un anello e apparteneva ad un pellegrino o ad un benestante.

È una pianta di cui si è sempre sentito parlare nelle scritture antiche, la stessa Cleopatra amava i profumi prodotti con questo componente e nei Templi veniva usato come incenso durante le cerimonie.

La coltivazione di questa pianta era esclusiva degli ebrei a quei tempi, che vivevano nel bacino del Mar Morto, quindi potrebbe trattarsi di un ricco Ebreo, proprietario di una coltivazione di alberi di Balsamo di Galaal, che era in pellegrinaggio.

Lascia un commento